Filmava sotto le gonne delle bambine al centro commerciale. Arrestato imprenditore


Un’altra notizia di pedofilia che arriva dalle nostre regioni. Un altro uomo, italiano, che approfitta dei più deboli. È accaduto vicino Siena: un imprenditore di cinquantotto anni è stato arrestato dalla polizia in flagranza di reato. Sava filmando in un centro commerciale sotto la gonna di alcune bambine. Immediatamente è partita la segnalazione e sono arrivati gli uomini delle forze dell’ordine che gli hanno messo le manette alle mani.

L’uomo, residente in provincia di Firenze, era arrivato fino ad un noto centro commerciale di Poggibonsi per avvicinarsi alle sue prede e non dare nell’occhio. Aveva cambiato provincia, spingendosi fin dove nessuno poteva conoscerlo. Adesso è in stato di fermo, è scattata la perquisizione nella sua dimora e tra computer, tablet e cellulare è stato ritrovato molto materiale pedopornografico. Adesso sarà processato per direttissima. Continua a leggere dopo la foto.







La segnalazione è scattata immediatamente, ad opera di alcuni dipendenti di un negozio di abbigliamento in questo centro commerciale toscano. Il comportamento dell’uomo, infatti, pareva particolarmente sospetto. Era strano il suo muoversi intorno alle bambine, facendo finta di parlare al telefono oppure di essere interessato a qualche capo da acquistare. Metodi e atteggiamenti con cui è facile ingannare un bambino, ma non di certo una persona adulta come i commessi del negozio, che hanno seguito con lo sguardo i suoi movimenti. Continua a leggere dopo la foto.




Subito allora hanno contattato i carabinieri, che si sono fiondati nel negozio in borghese e anche loro hanno notato come l’uomo si stesse avvicinando alle bimbe senza apparente motivo. Subito è stato bloccato e perquisito. Faceva passare il filo della telecamera sotto le gonne delle bambine e all’interno della borsa a tracolla che aveva i carabinieri hanno trovato una prolunga sottilissima, che riproduceva le immagini sul cellulare. Continua a leggere dopo la foto.


Riusciva in questa maniera a riprendere le loro parti intime. La memoria del suo smartphone era piena di queste immagini. Ora l’imprenditore è stato arrestato e si trova nel carcere di Sollicciano. Per lui è già scattata la richiesta di arresti domiciliari.

“È successo ad Antonio Logli mentre lui è in carcere”. Caso Roberta Ragusa, non poteva che essere così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it