Tragico scontro sulla statale: 60enne muore sul colpo, mamma e figlia gravissime


Una vera e propria maledizione, una strada che ancora una volta si conferma come una delle più pericolose non solo della provincia di Salerno ma della Campania. Nel tardo pomeriggio un altro incidente mortale ha funestato la Cilentana. E, ancora una volta, teatro della tragedia è stato il bivio di Omignano. A perdere la vita è stato un 60enne di Sanza, mentre altre due sono rimaste ferite.

Il traffico è stato deviato sul vecchio tracciato della statale, con indicazioni sul posto agli automobilisti che stanno percorrendo il tratto di strada. Lo ha comunicato l’Anas in una nota, spiegando che il personale della società è sul posto per ripristinare la transitabilità appena possibile. L’agenzia ha riportato anche la dinamica dell’incidente che ha visto morire il sessantenne di Sanza. (Continua a leggere dopo la foto)







Lo scontro sulla Cilentana, è stato fra un’automobile, con a bordo una madre con la figlia, entrambe di Centola. La vettura è impattata con un furgone Fiat Fiorino il cui conducente è deceduto subito.  Le ferite sono all’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Sul posto sono giunti i sanitari del 118 che, dopo aver accertato il decesso dell’uomo, hanno trasportato le due donne all’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Su quanto accaduto indagano i carabinieri che stanno ricostruendo l’esatta dinamica del sinistro per accertarne le responsabilità. Traffico in tilt. (Continua a leggere dopo la foto)




30 morti e oltre ottanta incidenti è tragico bilancio dei sinistri avvenuti sulla Cilentana dal 2001 ad oggi. Gli incidenti, come nel caso del 2014, spesso sono determinati dall’alta velocità o sorpassi azzardati, ma anche l’asfalto in molti punti usurato. Le zone più a rischio sono nei pressi dello svincolo Agropoli Nord, dove un pericoloso avvallamento crea non pochi disagi alle auto; tra le uscite di Ceraso, Centola e Roccagloriosa. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Problemi al manto stradale anche nei pressi della Diga Alento e tra Pattano e Vallo della Lucania. Per quest’ultimo caso, secondo quanto sta emergendo nel processo, proprio l’asfalto presente in questa zona avrebbe causato la morte di Mariannina Di Vizia, 58 anni e Sonia Eposito, 32, avvenuta nella mattina del 6 ottobre 2009.

Si fermano per cambiare una ruota: travolti. Adriano e Yuri muoiono a 20 anni

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it