Travolti da una mietitrebbia, morti 2 fratelli: grave la figlia 19enne di uno dei due


Due fratelli di 58 e 55 anni sono morti dopo essere stati travolti da una mietitrebbia, nelle campagne di Miglionico (Matera). Sul posto sono giunti i carabinieri, che stanno facendo accertamenti sulla dinamica dell’incidente, gli operatori del 118 e i vigili del fuoco. La tragedia si è consumata nel pomeriggio di sabato 22 giugno. I due sono stati travolti da una mietitrebbia che stavano usando per il lavoro nei campi di proprietà del fratello minore. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto fatta dai carabinieri accorsi sul posto, il mezzo agricolo si sarebbe improvvisamente ribaltato travolgendo i due fratelli. Al momento dei fatti uno si trovava sopra la mietitrebbia insieme alla figlia 19enne, l’altro a terra vicino al cassone di raccolta.

Per i due inutili i successivi soccorsi allertati dalla giovane rimasta ferita nell’incidente. Sul luogo dell’accaduto sono accorsi sia i vigili del fuoco, che hanno dovuto estrarli dal pesante mezzo, sia gli operatori sanitari del 118. Continua dopo la foto




Al loro arrivo, però, i due fratelli erano già morti e i medici ne hanno solo potuto constare il decesso. Soccorsa e trasporta con l’ambulanza al pronto soccorso invece la diciannovenne figlia del 55enne. La giovane è stata ricoverata all’ospedale Madonna della Grazie di Matera, ha ferite serie ed è sotto shock dopo aver visto morire davanti ai suoi occhi il padre e lo zio ma non è in pericolo di vita. Continua dopo la foto



Alla tragedia ha assistito anche un altro uomo di 58 anni che stava lavorando con le due vittime nei campi ma è rimasto illeso nell’incidente. Sempre ieri un altro terribile incidente è costato la vita a un uomo di 45 anni. Caduto all’interno di un capannone industriale da circa otto metri di altezza a causa della rottura di una lastra di copertura del capannone stesso: è grave. Continua dopo la foto



 


È accaduto, intorno alle 16, a Palaia (Pisa), località Forcoli. Il 45enne è stato portato all’ospedale di Careggi con l’elisoccorso Pegaso a causa dei gravi traumi e delle fratture riportate. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, 118, carabinieri e personale della medicina del lavoro della Asl. Una lunga scia di sangue che colpisce la categoria dei lavoratori. Un’epidemia da fermare e un male da vincere.

Ti potrebbe anche interessare: Rocca di Papa, il sindaco eroe alla fidanzata: “Se esco dall’ospedale mi sposi?”