Si finge ispettore della sanità, mangia a scrocco per un anno nei ristoranti


Per tutti era l’ispettore. E forse anche lui lo era per stesso. Almeno così è stato per 12 mesi. Protagonista di questa incredibile storia uno studente universitario di 27 anni che è stato arrestato in Sudafrica per aver ingannato il personale di un ristorante fast food, fingendosi ispettore della qualità alimentare e mangiando gratis ogni giorno per un intero anno. Il copione era sempre lo stesso: il giovane si recava in giacca e cravatta presso i locali della catena Kfc a bordo di una limousine guidata da un amico ed esibiva allo staff un tesserino recante la scritta “Head Office”.

Lo studente è riuscito a prendersi gioco di diversi punti vendita Kfc in tutto il Sudafrica, sostenendo di essere stato inviato dalla sede centrale dell’azienda per controllare la qualità del cibo servito ai clienti. Un dipendente della catena di fast food ha raccontato: “Quando è arrivato, ciascuno di noi ha cercato di fare del proprio meglio per non farlo innervosire. Era convincente perché era molto sicuro di sé, ormai lo conoscevamo tutti”. Continua dopo la foto




La messinscena del giovane ispettore era curata nei minimi dettagli. “Quando entrava nel ristorante, si precipitava subito in cucina a controllare ogni cosa, prendendo appunti e chiedendo dei campioni di cibo. Probabilmente ha lavorato in un punto vendita Kfc perché conosceva tutto”. KFC, per chi non la conoscesse, è una catena di fast food americana famosa principalmente per le sue ali di pollo fritte. Continua dopo la foto



A quanto pare essa ha un canale Twitter dedicato alla sezione Gaming (come se se ne occupasse direttamente) che ha postato un tweet “stimolante” nella direzione di Apex Legends. Vista la scarsità di rilasci di patch e/o di contenuti aggiuntivi per l’ormai famoso titolo battle royale di Respawn Entertainment ha ultimamente portato ad uno scoppio di risentimento sui social di cui i meme sono parte integrante. Continua dopo la foto



 


Siccome KFC, come tutti i brand, è più che ansiosa di far crescere le metriche dei propri social in qualunque modo possibile, ha evidentemente sperato che entrando in un argomento scottante ed attuale come questo, potesse fare dei numeri senza colpo ferire.

Ti potrebbe anche interessare: 10 ore di agonia e dolore, Anna è morta in attesa di un trasferimento