“È lui”. Cadavere nel fiume, la terribile conferma: morto annegato a 23 anni


È arrivata la triste conferma a due giorni dal ritrovamento di un cadavere recuperato nelle acque del fiume Mincio: si tratta di Raul Cristian Lacatusu, il ragazzo 23enne di nazionalità romena caduto in acqua lo scorso 5 maggio quando si era recato a Pozzolo, nel Mantovano, con alcuni amici per pescare ed è rimasto vittima di un incidente.

Il maltempo ha sorpreso il gruppo di pescatori che si è riparato nell’auto che purtroppo è scivolata nel fiume. Gli altri quattro amici di Raul si sono salvati, ma lui non ce l’ha fatta. Le ricerche del suo corpo sono durate una settimana, fino al ritrovamento di domenica scorsa. Il 23enne, un operaio residente a Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, è stato trovato da alcuni pescatori nei pressi di un canale a Marengo di Marmirolo. (Continua dopo la foto)







Dopo il recupero effettuato dai vigili del fuoco, il corpo è stato immediatamente trasferito all’ospedale di Mantova dove sono stati fatti gli esami di rito dal medico che ne ha poi chiarito l’identità. Come detto, Raul Cristian e quattro suoi amici erano andati a pesca sulle sponde del Mincio quando un temporale si è abbattuto nei pressi del fiume costringendo i cinque a ripararsi in macchina. (Continua dopo la foto)




Il freno a mano dell’auto, però, non era tirato e la vettura è scivolata nel canale vicino finendo per essere portata via dalla corrente. Gli amici del 23enne sono stati salvati da alcuni pescatori presenti, ma lui non ce l’ha fatta a risalire ed è morto annegato. Le ricerche del suo corpo sono durate sette giorni, fino al ritrovamento avvenuto la scorsa domenica, 12 maggio. (Continua dopo la foto)


 


La salma del 23enne è stata poi trasferita all’ospedale di Mantova e probabilmente giovedì 16 maggio sarà restituita alla famiglia che vorrebbe seppellire il ragazzo in patria. Per aiutare sostenere economicamente i familiari nelle spese per il rimpatrio, l’associazione romena Casa Dacia di Valeggio sul Mincio ha organizzato una raccolta fondi.

“Ciao maestra”. Vera, il cuore spezzato di un paese per una morta assurda

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it