“Ti porteremo nel cuore”: l’addio degli amici a Gabriele, morto a soli 15 anni


Gabriele Raffa è morto a soli 15 anni. Domenica pomeriggio è rimasto vittima di un gravissimo incidente stradale avvenuto tra Casirate e Treviglio, in provincia di Bergamo, e si è spento in ospedale dopo un’agonia durata quattro giorni. Quella maledetta domenica Gabriele stava tornando a casa in sella alla sua bici dopo aver partecipato alla festa di un’amica quando è stato travolto da un’auto guidata da un 27enne. Come riportano le cronache, all’indomani della scomparsa del ragazzino è stata un’inchiesta per omicidio stradale a carico del giovane automobilista.

Gabriele è stato soccorso e trasportato in condizioni critiche all’ospedale Niguarda da un elicottero del 118 e dopo aver lottato per quattro giorni, giovedì mattina si è spento lasciando tutti, familiari, amici e l’intera comunità di Treviglio sconvolti dal dolore. I genitori di Gabriele hanno acconsentito al prelievo degli organi. (Continua dopo la foto)




L’ultimo saluto al 15enne sarà celebrato probabilmente lunedì, probabilmente i nella chiesa parrocchiale di San Pietro, a Treviglio. Paese che ora lo piange e che mette di nuovo l’accento sulla pericolosità del tratto di strada in cui è avvenuto l’incidente mortale, la ex strada statale 472 (ora strada provinciale). La realizzazione di una pista ciclabile sulla via Casirate Vecchia, infatti, è il programma da tempo. (Continua dopo la foto)



C’è tanto dolore adesso. Gabriele era nel fiore dei suoi anni. Giocava come portiere nella locale squadra di pallanuoto e i suoi compagni hanno volute salutarlo con parole molto toccanti sui social. Loro lo chiamavano ‘Raffa’, che in realtà è il suo cognome: “Ciao “Raffa” – hanno scritto su Facebok gli amici di squadra della società Pallanuoto Treviglio – Tutti in piscina ti chiamavano così, era già un bel soprannome quello, non serviva altro… ti abbiamo visto crescere in questi anni, sei diventato amico di tutti e, con quel tuo animo buono e un po’ timido, hai saputo farti voler bene da tutti”. (Continua dopo la foto e post)



 


“Inutile dirti che ti porteremo sempre nel cuore – prosegue il post -, la tua scomparsa lascerà un vuoto incolmabile in tutti noi, che difficilmente si riempirà. Ci proveremo aggrappandoci ai bellissimi ricordi che abbiamo di te, alle tantissime partite giocate insieme, alle avventure vissute nei camp estivi e agli innumerevoli allenamenti che abbiamo condiviso… Non ti dimenticheremo mai, sei e resterai per sempre il nostro numero 1 preferito. Fai buon viaggio, angelo”.

Crolla il tetto su cui sta lavorando. Un volo di 15 metri e Giuseppe muore