Scivola nel fiume e muore annegato: addio a Walter, il “mago” dei bimbi


Una morte che ha lasciato di stucco tutta la città, Treviso. Lo conoscevano tutti Walter Busato, “personaggio” del centro noto per i cappelli pittoreschi che indossava, i travestimenti da Babbo Natale, i palloncini distribuiti in piazza ai bimbi e le chiacchiere in cui dispensava i numeri fortunati del Lotto in quanto mago. Anzi, “Il mago”, scrive Il Messaggero. Walter, 68 anni, è stato trovato senza vita nelle acque del fiume.

Il corpo di Busato è stato ritrovato poco dopo le 17 di venerdì 3 maggio da un tecnico che stava riparando un condizionatore del negozio Bottaro Interiors di via Pescheria, sul terrazzino posteriore che si affaccia sul canale. Ha intravisto la sagoma che affiorava dall’acqua, incastrata sotto le volte del palazzo che si affaccia sul Cagnan. “È entrato di corsa, ci ha detto che c’era un corpo nell’acqua – ha spiegato il titolare del negozio –, impigliato nelle arcate del palazzo”. (Continua dopo la foto)







Sul posto sono arrivati subito i carabinieri e i vigili del fuoco ma purtroppo per Walter non c’era più nulla da fare. Secondo il medico legale il 68enne era in acqua da un tempo superiore alle 3 ore. Spetterà ora ai carabinieri capire cosa sia successo e dove sia caduto in acqua, ma per il momento l’ipotesi più probabile è quella che sia rimasto vittima di un incidente. Forse ha avuto un malore o ha perso l’equilibrio finendo in acqua senza riuscire a tornare a riva. (Continua dopo la foto)




Il medico legale non avrebbe riscontrato segni di violenza sul corpo e il magistrato di turno per ora ha disposto solo una ricognizione esterna sul cadavere dell’uomo, che è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Walter in passato era stato un imprenditore: negli anni ‘90 aveva rilevato il locale Malibù, poi era stato socio del Nottambulo, a Mestre. Negli ultimi anni aveva iniziato a vivere vagabondando ed era considerato a tutti gli effetti “un personaggio” del centro. (Continua dopo la foto)


 


“Ci avevo fatto quattro chiacchiere pochi giorni fa – lo ricorda un’amica -, era sempre di buon umore, sorridente, nonostante i colpi bassi della vita”. Ieri sera, si legge ancora su Il Messaggero, anche la Notte dei senza dimora, gruppo degli operatori di strada di Treviso, ha salutato Walter Busato, la cui morte come detto ha lasciato tutti attoniti in città: “Ciao Mago. Ciao Walter hanno scritto sulla loro pagina Facebook non era un clochard, ma un amico di chi viveva in strada, felice di vivere”.

Famosa modella trovata impiccata nel bagno di un albergo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it