Topi e parassiti in cucina e alimenti scaduti: carabinieri chiudono un bar-ristorante


Chiuso dai carabinieri a fine aprile 2019 il bar trattoria Villa di via Roma a Cantoira, in provincia di Torino. Nei giorni scorsi i militari della stazione di Chialamberto, in collaborazione con gli ispettori dell’Asl To4 di Cirié, hanno denunciato il titolare per non avere osservato le corrette procedure relative alla conservazione degli alimenti. Sono state riscontrate gravi carenze igienico-sanitarie e la presenza di parassiti e ratti nelle cucine.

Il provvedimento è tecnicamente di sospensione dell’attività per ragioni di salute pubblica. Il locale momentaneamente sospeso in ogni sua attività – Il titolare della trattoria, secondo quanto precisato dai carabinieri che hanno effettuato i controlli nel locale, non ha osservato le corrette procedure relative alla conservazione degli alimenti. (Continua a leggere dopo la foto)




E nel locale, oltre alla presenza di ratti e parassiti nelle cucine, sono state riscontrate gravi carenze igienico–sanitarie per le quali è stata disposta la sospensione momentanea dell’attività. Il locale di Cantoira – che a quanto si apprende finora era molto frequentato – potrà riaprire solo quando saranno garantire le condizioni igienico sanitarie. (Continua a leggere dopo la foto)



Pochi giorni fa, dopo un controllo dei Carabinieri del Nas è stato chiuso per “gravi carenze igienico sanitarie” il ristorante giapponese Imo Sushi Fusion di zona Lingotto a Torino. Il problema più grave riscontrato dai Nas è che il pesce crudo veniva servito non abbattuto causando gravi rischi per la salute dei clienti. L’abbattitore abbassa la temperatura dei cibi fino a meno 20, meno 40 gradi sotto lo zero, permettendo dopo alcune ore o alcuni giorni, a seconda della temperatura raggiunta, di ridurre la carica batterica e soprattutto la presenza di larve di Anisakis, che possono essere potenzialmente mortali. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Negli ultimi giorni, infatti, cinque clienti che avevano mangiato nel ristorante di via Nizza 293 si erano sentiti male. I Nas hanno denunciato il titolare, un cittadino cinese, per violazione della legge 283 del 1962 (Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande).

Muore a un anno e mezzo dopo 17 giorni di agonia. Alessia è volata in cielo