Scontro frontale sul cavalcavia. Mattia, 23 anni, muore nel fiore dei suoi anni


Mattia Spinelli, 23enne di Dusino San Michele, paesino in provincia di Asti, ha perso la vita in uno scontro frontale avvenuto nella serata di venerdì 12 aprile 2019, sul cavalcavia sopra la tangenziale in via Debouché a Nichelino, proprio in corrispondenza dell’innesto della tangenziale. Il giovane viaggiava su una Honda Civic come passeggero. La vettura si e scontrata con una Bmw X3.

Il bilancio è di una vittima e altri cinque feriti di cui uno trasportato d’urgenza in ospedale dal 118 con un codice rosso: la prognosi è riservata. La vittima è un giovane di 23 anni che viaggiava come passeggero su una delle due auto, una Honda Civic di colore bianco. L’altra auto coinvolta nell’incidente è una Bmw X3. L’urto è stato violentissimo. Su ognuna delle due macchine coinvolte viaggiavano tre persone e diversi feriti sono rimasti incastrati nelle lamiere delle loro vetture. (Continua a leggere dopo la foto)




I cinque feriti sono stati trasportati tutti al Cto di Torino. Sul posto sono in corso le indagini dei carabinieri della compagnia di Nichelino e per gestire la viabilità sono arrivati gli operatori Ativa. Secondo una primissima ricostruzione l’auto su cui viaggiava la vittima è arrivata dallo svincolo di Debouchè. All’origine dello schianto ci sarebbe una mancata precedenza. La strada è rimasta chiusa per ore. (Continua a leggere dopo la foto)



Nella serata di venerdì 12 aprile un giovane di 19 anni è rimasto vittima di un incidente lungo la strada mondaviese. Un tragico schianto contro una quercia. Per lui non c’è stato niente da fare. Si chiamava Augusto Schioccola, era uno studente e portiere delle giovanili del Fossombrone. Il giovane rimasto vittima nel terribile incidente era residente a Pian di Rose (Sant’Ippolito) in provincia di Pesaro Urbino, nelle Marche. Venerdì sera alle 20.30 circa Augusto si è schiantato con la sua auto lungo la provinciale, nel tratto che va dall’ospedale di Fossombrone al distributore del metano. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Augusto è morto sul colpo dopo aver perso il controllo della sua Fiat 500 bianca. Augusto stava tornando a casa – era andato a trovare un amico che abita nel quartiere dei Borgo Sant’Antonio – quando per cause ancora da accertare la sua utilitaria ha sbandato andando a finire su un albero. L’impatto è stato violentissimo. Sul posto, la polstrada, i vigili del fuoco e il 118 di Fossombrone.

Mamma dimentica il figlio (2 anni) in auto e va a dormire: trovato morto