Uccisa di botte dal papà a 1 anno. Il suo sorriso spento per sempre dalla violenza


Hollie è morta ad appena 14 mesi. La piccola è deceduta venerdì scorso in ospedale, dove era stata portata per le gravi ferite che aveva alla testa, come stabilito dall’autopsia. Ferite che a quanto pare le ha provocato il suo papà. Per il suo omicidio, infatti, i giudici hanno accusato il padre della bambina, il 32enne Daniele Ashurst, che ora è stato condotto in carcere. Un caso choc, questo, che sta sconvolgendo il Regno Unito e che è avvenuto a Wigan.

L’allarme è scattato giovedì scorso, quando la polizia di Fleming Court è stata allertata dai medici a bordo dell’ambulanza. Il personale sanitario ha segnalato agli agenti che stava trasportando in ospedale una bimba gravemente ferita. La piccola è stata subito presa in cura dai medici del pronto soccorso pediatrico. Che hanno fatto di tutto per salvarle la vita, ma non ci sono riusciti: Hollie non ce l’ha fatta. Era già gravissima quando è arrivata in ospedale. (Continua dopo la foto)




Lunedì scorso l’esame autoptico ha confermato che Hollie è morta per le ferite riportate alla testa. “Tutte le inchieste sugli omicidi sono comprensibilmente sconvolgenti, ma quando coinvolgono una bambina così piccola sono ancor più angoscianti”, ha commentato l’ispettore capo Jamie Daniels, che indaga sul caso. Il motivo che abbia spinto il giovane papà a picchiare la figlia di appena 14 mesi fino alla morte è però ancora da chiarire. (Continua dopo la foto)



“Stiamo cercando di ricostruire quello che è accaduto nelle ore e nei minuti che hanno preceduto le violenze, per comprendere quale possa essere stato il movente dell’omicidio e cosa possa aver spinto Daniel Ashurst a picchiare brutalmente la figlia fino ad ucciderla”, ha aggiunto Daniels in merito alle circostanze del terribile delitto per cui in settimana Daniel Ashurst comparirà di nuovo in tribunale. (Continua dopo la foto)



 


“Hollie era il mio sogno che si avverava – ha commentato la mamma, devastata – era una bambina così luminosa, sorridente, felice ed era il raggio di sole di tutti. Hollie illuminava la giornata di tutti. Vola in alto principessa, ti amerò per sempre”. Anche il nonno e gli zii, ancora sconvolti per la tragedia, hanno descritto la piccola come una bambina “sempre sorridente”.

Iolanda, uccisa dal tumore a soli 10 anni. La mamma: “Niente funerale, non credo più”