Morto sull’asfalto a 30 anni, inutile ogni tentativo di rianimarlo


Tragedia a Pontecagnano, in provincia di Salerno. Un uomo è stato travolto e ucciso mentre camminava sul ciglio della strada. Un operaio residente a Montecorvino Pugliano ha investito la vittima con la sua Peugeot. Per il ragazzo, di origine ucraina, non c’è stato nulla da fare. Il conducente della Peugeot non si è accorto del 30enne, forse a causa della scarsa visibilità del tratto stradale. L’automobilista si è fermato per prestare i soccorsi, chiamando anche il 118, ma l’uomo è morto sul colpo. Il conducente è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso, ma a suo carico non è stato riscontrato nulla di anomalo. Pontecagnano come Fiorano.

Teatro poche ore prima di una tragedia terribile. Dove una donna di 36anni è morta in un tragico incidente stradale lungo la Pedemontana. Lo schianto frontale tra una Ford Focus e una Citroen Picasso è avvenuto alle 19.30. Continua dopo la foto




Sul posto sono accorsi i sanitari e il medico del 118 che si sono occupati delle tre persone coinvolte nello scontro, anche grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, che hanno estratto due persone dalle lamiere, un uomo e una donna. I due feriti, gravi, sono stati portati all’ospedale di Baggiovara. La donna deceduta, Oksana Pletenytska di nazionalità Ucraina, viaggiava insieme ad una 39enne connazionale sulla Ford, che ha invaso la corsia di marcia opposta, colpendo la monovolume condotta da un uomo di 64 anni che procedeva in direzione Sassuolo. Continua dopo la foto



Sul posto i Carabinieri di Fiorano e Maranello, che hanno anche completamente chiuso al traffico la Pedemontana. Intervenuta anche la Municipale. La Pedemontana è stata chiusa al traffico. Poche ore prima del dramma di Fiorano l’Italia era rimasta di ghiaccio davanti alla tragedia di Siddharta Garbini un operaio morto a 40 anni in un tragico incidente sul lavoro. Continua dopo la foto



 

Stava installando alcune reti di protezione a ridosso di un cavalcavia lungo la A22 del Brennero nei pressi di Campodazzo (Bolzano) quando per cause ancora da accertare è precipitato giù da circa cento metri di altezza. Non ha avuto scampo Siddharta, che era appeso a una parete rocciosa lungo l’autostrada, in località Prato Isarco, mentre stava posando delle reti paramassi: secondo una prima ricostruzione l’imbracatura di sicurezza avrebbe improvvisamente ceduto facendo schiantare il 40enne sulle rocce sottostanti. Il dramma è avvenuto poco dopo le 17 di martedì 19 febbraio.

Ti potrebbe anche interessare: Papà muore appena 3 ore dopo aver conosciuto la figlia neonata. Aveva solo 31 anni