Ivan muore a 37 anni. Era vigile del fuoco: il suo corpo recuperato dai colleghi


“Una volta pompiere lo sarai per sempre”. Questa frase Ivan l’aveva detta un po’ di tempo fa a un amico e lui l’ha usata per ricordarlo in uno dei numerosissimi post apparsi sui social dopo la notizia della sua tragica morte. “Carissimo amico, con la tua frase che mi hai detto tempo fa in un momento di crisi voglio ricordarti per sempre: ‘una volta pompiere lo sarai per sempre. Ti voglio bene amico mio”, ha scritto un collega di Ivan, che è morto a 37 anni in un tremendo incidente stradale.

È successo nelle scorse ore nel Torinese. La vittima si chiamava Ivan Ferrero. Residente a Saluggia, in provincia di Vercelli, Ivan era un vigile del fuoco in servizio al distaccamento di Ivrea e ha perso la vita nella serata di martedì scorso lungo la strada provinciale 78 di Vestignè, nel territorio del comune di Borgomasino, quando, intorno alle 21, la sua auto, una Fiat Doblò, si è improvvisamente schiantata contro un’Audi A3 finendo poi in un fossato a bordo strada. (Continua dopo la foto)




L’impatto tra le due vetture è stato violentissimo e ha completamente distrutto la macchina di Ivan e fatto addirittura schizzare il motore fuori dalla scocca. Il pompiere 37enne non ha avuto scampo. I soccorsi sono stati immediati, ma per lui non c’era già più nulla da fare. Sul posto si sono precipitati il personale sanitario del 118, che non ha potuto far altro che constatarne il decesso, e i vigili del fuoco, i suoi colleghi di Castellamonte e Torino. (Continua dopo la foto)






A loro, ai suoi colleghi, il difficile compito di liberarlo dalle lamiere della sua auto. Un’operazione complicata e che ha richiesto molto tempo, dal momento che la macchina, accartocciata, era finita in un fosso tra gli alberi. Ferito anche l’altro conducente dell’auto coinvolta nel terribile schianto, un uomo di 31 anni di Livorno le cui condizioni in un primo momento sembravano gravi. (Continua dopo la foto)


 


Dopo essere sceso dalla sua auto, difatti, il 31enne è svenuto ed è stato subito trasportato in elicottero all’ospedale Cto di Torino con un codice rosso, dove poi le sue ferite sono state giudicate non gravi. Per Ivan, invece, il destino ha voluto diversamente. E ora regnano dolore e sgomento tra i suoi tanti colleghi che, dopo aver saputo la triste notizia, si sono riversati sui social per lasciare un ricordo al pompiere che era molto apprezzato nei vari distaccamenti in cui aveva prestato servizio.

Trovati morti insieme, a 23 anni. La tragica scoperta a casa della coppia