“Mi fa male la schiena”. Ma era un infarto: Rudy muore alla cena di famiglia. Aveva 37 anni


Era a cena dalla zia con tutta la famiglia per festeggiare l’Immacolata quando, all’improvviso, ha sentito una fitta alla schiena. O almeno così gli sembrava. Un dolore forte che ha pensato fosse dovuto a un problema muscolare. Un’infiammazione dovuta magari alla posizione in cui stava in quel momento. Quindi si è alzato da tavola ed è andato a sedersi sul divano per rilassare i muscoli e trovare sollievo. Quel dolore, però, non passava, quindi la richiesta ai parenti di allertare il 118.

Ma nonostante i soccorsi siano stati tempestivi, non appena il personale sanitario è arrivato sul posto, il suo cuore aveva già smesso di battere e la corsa al pronto soccorso e i successivi tentativi di rianimarlo si sono purtroppo rivelati inutili. Così, all’improvviso e di fronte agli occhi increduli dei familiari, l’8 dicembre scorso è morto Rudy Perazzolo. Aveva 37 anni e quelle fitte che avvertiva erano il preludio di un infarto che non gli ha lasciato scampo. (Continua dopo la foto)




Infarto fulminante. Rudy, che era di San Pietro di Cavarzere, Venezia, è morto a soli 37 anni per “cause naturali”. La notizia ha ovviamente gettato tutto il paese nello sconforto e nel dolore. Rudy era molto conosciuto. Come riporta il sito ‘La voce di Rovigo’, per anni aveva lavorato per una ditta di imbianchini e cartongesso prima di collaborare con i ragazzi dell’azienda “Staff” di Pettorazza Grimani, che produce arredamenti interni di supermercati e negozi anche all’estero. (Continua dopo la foto)



Un lavoro, questo, che l’aveva portato a viaggiare molto nell’ultimo anno. Era stato negli Emirati Arabi e in Nigeria e a febbraio prossimo sarebbe dovuto partire per il Congo. C’è sgomento, incredulità e dolore per la morte improvvisa di Rudy, i cui funerali, stando a quanto si è appreso, non sono ancora stati fissati. Gli amici che ora lo piangono lo descrivono come un ragazzo solare, dal cuore d’oro e con una parola buona per tutti. (Continua dopo la foto)



 


“Grandissimo gentiluomo! Splendido come pochi – scrive un’amica del 37enne su Facebook – Massimo rispetto per la persona che sei stato con tutti sempre… quel senso di protezione che mi trasmettevi… impossibile non sorriderti ad ogni incontro… impossibile non ridere di gusto alle tue battute… sempre grazie … grazie Rudy Perazzolo posso solo dirti grazie per il tempo che mi hai dedicato. Arrivederci”.

Uccisa mentre fa l’albero di Natale: Lisa, 26 anni, è morta davanti ai bambini