Lasciano il figlio all’asilo ma subito dopo ricevono una telefonata: venite subito, purtroppo, vostro figlio è deceduto


 

Ha scosso la comunità di Minerbio, nella zona metropolitana di Bologna (Emilia Romagna) il fatto accaduto nel pomeriggio di ieri (12 aprile 2018) nell’asilo nido Mary Poppins. Il fascicolo è stato aperto contro ignoti. Come riportato da La Repubblica si tratta di un atto dovuto ed è una prassi necessaria per poter fare chiarezza su questa tragica vicenda. Sono ancora troppe le ipotesi per una morte misteriosa, improvvisa, apparentemente senza un perché. Perché proprio così si è spenta la vita di un bimbo di 19 mesi, Alessandro Gaccione, mentre faceva il riposino pomeridiano all’asilo ‘Mary Poppins’ in via Savena Superiore a Minerbio. La tragedia si è verificata dopo pranzo intorno alle 15,30: il piccolo non si svegliava più e la maestra si è accorta che respirava a fatica ed era molto pallido. I sanitari, pur giunti rapidamente a quanto risulta dalle prime ricostruzioni, nulla hanno potuto: il bambino è deceduto durante la corsa verso l’ospedale di Bentivoglio. Sul posto si sono recati anche i carabinieri e il magistrato di turno Roberto Ceroni. (Continua a leggere dopo la foto)  







Lo staff del 118, dopo la chiamata delle maestre, ha contattato i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Molinella e i colleghi della stazione di Minerbio. Sul piccolo non c’erano segni di violenza e anche il cibo consumato a pranzo rispondeva a tutte le prescrizioni sanitarie. ”Quando il piccolo è stato alzato dal lettino e abbiamo visto che non si svegliava – ha spiegato il personale della Scuola dell’Infanzia nel Bolognese al quotidiano Il resto del carlino – abbiamo subito chiamato i soccorsi. Avevamo da poco effettuato il corso di aggiornamento per il primo soccorso e subito una maestra ha praticato il massaggio cardiaco e tutte le procedure per rianimarlo”. (Continua a leggere dopo le foto)





 

”Intanto, in contatto telefonico con il 118, – hanno proseguito le maestre dell’asilo – abbiamo seguito le indicazioni dei sanitari. Siamo vicini alla famiglia con quale abbiamo un rapporto familiare”. L’autopsia sarà l’elemento chiave dell’indagine, i cui esiti orienteranno il prosieguo dell’inchiesta e saranno decisivi per determinare la causa della morte. L’asilo Mary Poppins opera sul territorio da una decina di anni e ospita circa quindici bambini dagli zero ai tre anni e viene descritto come un centro d’eccellenza. La tragedia ha inevitabilmente sconvolto la comunità del paese a venti chilometri da Bologna nel quale la famiglia del piccolo è molto conosciuta.

“Siamo scioccati”. Tragico lutto nel cinema. L’attore, tra i più amati, è morto a soli 36 anni. Tutti stravolti dalla notizia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it