Tutti morti. L’intera famiglia era scomparsa nel nulla, fino alla notizia choc


Speranze azzerate. Finite, frantumate per l’intera famiglia Dean di cui non si avevano più notizie dal Giorno del Ringraziamento. È finita con la peggiore delle notizie la vicenda che per giorni ha tenuto col fiato sospeso, familiari, amici, conoscenti ma anche tutti coloro che ne avevano sentito parlare in tv e sui giornali. Anthony James, sua moglie Chelsi Kay, entrambi venticinquenni e le due figlie, Avri e Kaytlin, rispettivamente uno e cinque anni, sono stati trovati cadaveri all’interno del suv ormai irriconoscibile dopo il tremendo incidente stradale in cui i quattro hanno trovato la morte.

I quattro erano stati dati per dispersi il 22 novembre scorso. Un giorno di festa perché il quarto giovedì del mese si celebra il Giorno del Ringraziamento, e le loro immagini erano subito rimbalzate online e poi finite persino sulla piattaforma GoFoundMe dove era stata lanciata una raccolta fondi durante la scomparsa. Poi l’epilogo più tragico. (Continua dopo la foto)




L’intera famiglia di Anthony James Dean è rimasta coinvolta e uccisa in un incidente stradale. Il capofamiglia, la moglie Chelsi Key e le loro due bambine si trovavano nel Montana, Stati Uniti, come riporta il sito della Fox. Stavano viaggiando sulla interstatale 94 quando la Toyota sulla quale era a bordo è uscita di strada ed è finita in un ruscello. La famiglia era partita da Caldweel, nell’Idaho, per raggiungere il Montana per il Ringraziamento. (Continua dopo la foto)



La scena dell’incidente in cui hanno perso la vita Dean, che era stato assegnato al 69th Reggimento presso la base aeronautica di Grand Forks nel Dakota del Nord, la moglie e le piccole è stata scoperta dalle forze dell’ordine sabato mattina ad Huntley, mentre erano in corso le ricerche. La madre di Anthony, che ha perso figlio e nipoti, è distrutta dal dolore. “Il cuore di mamma e nonna è spezzato in un miliardo di pezzi”, ha scritto su Facebook. (Continua dopo la foto)



 


“Le parole non bastano in un momento come questo. – ha detto il maggiore Eric Inkenbrandt, comandante della squadriglia di manutenzione – Questa perdita colpisce profondamente ognuno di noi. Possano i loro amici e la loro famiglia ricevere la forza e la serenità per superare questo momento doloroso”.

Dietro le quinte del potere Business.it

Andrea Gismondi, 17 anni e promessa del calcio. Morto dopo 6 giorni di agonia